Aiuti umanitari

L’emofilia esiste in ogni parte del mondo ma, come evidenziato dalla World Federation of Hemophilia, solo il 25% delle persone con emofilia ha accesso alle cure. Per questo motivo Sobi e Biogen hanno avviato un programma decennale di donazione di terapie a lunga durata, efficaci e sicure, alla World Federation of Hemophilia a sostegno del progetto Close the Gap, volto a rendere disponibili trattamenti fondamentali nei Paesi in Via di Sviluppo.

Attraverso questa donazione che si protrarrà per 10 anni, Sobi e Biogen forniranno in media 100 milioni di Unità Infusionali (UI) all’anno - i cui primi 500 milioni di UI sono già stati stanziati - che andranno a sommarsi ai 245 milioni di UI di terapia di fattore coagulante distribuiti dalla World Federation of Hemophilia tra il 1996 e il 2012 - una media di 15 milioni di unità per anno. 

Questo impegno a lungo termine deriva dalla profonda convinzione di Sobi che assicurare l’accesso a un trattamento a lunga durata, sicuro, efficace e affidabile sia anche una responsabilità sociale condivisa. In quest’ottica, l’Azienda si occupa di sostenere sia il trasporto sia la fornitura di fattore coagulante della World Federation of Hemophilia: solo così è possibile permettere alle persone di avere accesso al trattamento dove e quando ne hanno bisogno. 

Una donazione importante con cui Sobi e Biogen auspicano di:

 

- poter rendere disponibile alle persone con emofilia un trattamento di ultima generazione, sicuro ed efficace, in qualsiasi Paese del mondo;

 - rendere il trattamento a lunga durata accessibile anche in quei Paesi in Via di Sviluppo, dove raggiungere i centri di cura richiede spesso un lungo viaggio e le infrastrutture e i trasporti sono meno progrediti;

 - rendere la fornitura prevedibile e più affidabile, consentendo così ai medici curanti dei Paesi in cui le cure sono solitamente discontinue o inaffidabili, di pianificare regimi di cura efficaci per i loro pazienti, aumentando le chance delle persone con emofilia di ricevere cure prolungate;

 - offrire prodotti in-date della stessa durata del materiale commerciale. Sobi ha aumentato la capacità produttiva per poter destinare parte della sua produzione regolare a scopi umanitari. L’obiettivo è quello di fornire un trattamento che possa durare per tutto il programma indipendentemente dal luogo in cui vivono le persone, riducendo il rischio che vengano utilizzati prodotti scaduti;

- dare a tutte le persone con emofilia la possibilità di accedere ai trattamenti di ultima generazione, assicurandosi che i progressi non siano riservati a un gruppo limitato di persone, per un accesso equo in tutto il mondo.

Sobi spera che il suo esempio possa ispirare altre organizzazioni a sostenere il programma e le persone malate di emofilia in ogni modo possibile e continuare a supportare il progetto “Close the Gap”.

Torna Su!