In occasione della Giornata Mondiale dell’Emofilia Sobi lancia Libera la Vita: storie di sogni che l’emofilia non può fermare

Giornata Mondiale Emofilia

Milano, 17 aprile 2019 - In occasione della Giornata Mondiale dell’Emofilia Sobi lancia la campagna internazionale Liberate Life in 13 Paesi europei per offrire una nuova visione della vita oltre la malattia. In Italia l’iniziativa, che prende il nome di “Libera la Vita - Storie di sogni che l’emofilia non può fermare”, ha avuto il patrocinio di FedEmo (Federazione delle Associazioni Emofilici).

L’iniziativa si inserisce in un impegno a lungo termine nell’area: Sobi mira a definire nuovi standard, ottimizzare i trattamenti, produrre evidenze, fornire un accesso sostenibile e offrire supporto alla comunità di pazienti emofilici. Così la visione di Liberate Life si traduce nella volontà di dialogare con la più ampia comunità emofilica europea, in primo luogo attraverso i social media, incoraggiando e spronando le persone ad avere aspettative più alte dalla vita e a cogliere le tante opportunità rese possibili dai progressi registrati in campo terapeutico.

Un video ispirazionale, disponibile da oggi sui social media in 13 Paesi europei, segna l’avvio della campagna, che racconterà storie di riscatto personale: i protagonisti, che convivono con l’emofilia, intraprendono il proprio viaggio personale, lasciando che siano i sogni e la determinazione a stabilire ciò che è possibile.

Nonostante i recenti progressi in campo terapeutico, le persone con emofilia spesso devono scendere a compromessi nella vita di tutti i giorni. È ciò che è emerso da uno studio etnografico paneuropeo: una ricerca approfondita che ha messo in luce le sfide, le aspirazioni, le esigenze insoddisfatte, i comportamenti e le percezioni di chi convive con l’emofilia e di chi di loro si prende cura, ispirando la visione alla base di Libera la Vita.

Guido Oelkers, Presidente e CEO, afferma che Sobi ha tratto ispirazione da questo studio etnografico per invitare la comunità emofilica a sfidare lo status quo. Tradizionalmente, le cure mirano a favorire la sopravvivenza e la stabilità dei pazienti. Con le terapie disponibili oggi la cura può essere personalizzata per rispondere alle esigenze e alle aspirazioni individuali.

“Liberate Life simboleggia la nostra volontà e il nostro modo di operare, incarna la dedizione che mettiamo nel nostro lavoro a sostegno delle persone con emofilia, garantendo loro protezione in caso di sanguinamenti, dolori articolari e carico emotivo - per aiutarle a sentirsi sicure e vivere così una vita senza compromessi”, dichiara Oelkers. “Liberate Life non solo rappresenta la nostra visione della gestione dell’emofilia, ma vuole anche essere un invito ad agire, per coinvolgere pazienti, associazioni e professionisti sanitari”.

Per ulteriori informazioni, visitare il sito www.liberatelife.it

 

Liberate Life

La campagna Liberate Life - Libera la Vita. Storie di sogni che l’emofilia non può fermare rappresenta la visione di Sobi, basata sulla nostra determinaziona nel trasformare le vite delle persone con una malattia rara. È costruita sulla nostra propensione al cambiamento positivo, sull’offrire nuove opportunità alle persone che convivono con l’emofilia, per una vita senza compromessi.

Sobi™

Sobi si propone di trasformare la vita delle persone con una malattia rara. In qualità di azienda biofarmaceutica multinazionale, offriamo un accesso sostenibile a terapie innovative nel campo dell’ematologia, dell’immunologia e della specialty care. Contribuiamo con qualcosa di raro alle malattie rare: la fiducia nella determinazione, il potere dell’elasticità e le potenzialità delle persone che abbiamo deciso di sostenere. Il duro lavoro e la dedizione dei nostri circa 1050 dipendenti a livello mondiale sono stati essenziali per il successo ottenuto in Europa, Nord America, Medio Oriente, Russia e Nord Africa, con un fatturato complessivo di 9,1 miliardi di corone svedesi realizzato nel 2018. Le azioni di Sobi (STO:SOBI) sono quotate al Nasdaq di Stoccolma. Per maggiori informazioni su Sobi, visitare il sito www.sobi.it.